Dentro una gocciolina di olio extravergine di oliva

Se potessimo guardare dentro una gocciolina di olio extravergine di oliva troveremo i seguenti composti:
ACIDO OLEICO 75%

questo è l’acido grasso più importante ha molte azioni positive tra cui proteggere dai tumori al seno riducendo il livello di Her-2neu un oncogene presente nelle donne malate e migliora l0’eventuale terapia che mio con Herceptin per sconfiggere l’Her-2nue.
La sua presenza nel sangue riduce il livello di colesterolo cattivo e aumenta quello buono, protegge dai tumori al colon e alla prostata, riduce il rischio di infarti regola le funzioni del fegato.
ACIDO PALMITICO 10%
ACIDO STEARICO 2%
ACIDO LINOLEICO 3%
ACIDO ALFA LINOLENICO 3%
Entrambi capostipiti della serie n-6, n-3 sono di estrema importanza perché il nostro organismo non è in grado di sintetizzarli e devono essere assunti, nell’olio extra vergine d’oliva hanno lo stesso rapporto che è presente nel latte materno.
+ circa 230 componenti minori importantissimi per la salute umana 1-2 %
STEROLI
noti per bloccare l’assorbimento del colesterolo nell’intestino
SQUALENE
dal nome della presenza nel fegato degli squali è presente nel sebo umano; è un antiossidante utile contro le radiazioni solari sia come alimento dia come crema, abbassa il colesterolo cattivo LDL e alza quello buono HDL.
FENOLI E POLIFENOLI
sono una gamma vastissima tra cui scoperti tanti antitumorali oggetto di studi recenti stanno dimostrando effetti molto positivi per la nostra salute.
BETA CAROTENE
precursore della vitamina A migliora la funzionalità della cute, delle mucose degli occhi dei polmoni , intestino e aumenta la resistenza alle infezioni.
CARETENOIDI
in sinergia con la vitamina E prevengono l’ossidazione lipidica delle membrane cellulari inibendo i radicali liberi.
VITAMINA E
cioè alfa-tocoferolo è il più importante per l’azione antiradicali, è presente pure nell’olio di girasole e mais ma in quei grassi non è assimilabile e viene eliminato con la bile mentre nell’olio extravergine d’oliva viene completamente utilizzato a livello epatico. Nei neonati facilmente ci può essere carenza ecco perché è consigliabile l’olio extravergine d’oliva nello svezzamento.
TRITERPENOIDI acido oleanolico
ha azione antinfiammatoria
OLEUROPEINA 
tra cui l’oleocantale fenoli semplici oltre a prevenire l’irrancidimento e a contribuire al caratteristico sapore e odore dell’olio sono i più potenti antiossidanti al momento scoperti e hanno proprietà antinfiammatoria , antitumorali, antiallergiche e antivirali e insieme ad altri antiossidanti ripuliscono l’organismo dai radicali liberi. Hanno scoperto che ha la stessa funzione dell’ibruprofene in quanto inibiscono gli stessi enzimi.
FLAVONIDI
in particolare la quercetina ottimizza la permeabilità e il flusso sanguigno dei capillari.
LUTEINA 
fluidifica la membrana cellulare con interessanti positive ripercussioni sulle cellule.
CLOROFILLE A e B

di Marco Agamennone